Shop Mobile More Submit  Join Login
About Deviant Member bonamini guidoMale/Italy Groups :iconwriters-club-group: writers-club-group
 
Recent Activity
Deviant for 8 Years
Needs Premium Membership
Statistics 364 Deviations 68,743 Comments 120,123 Pageviews

Newest Deviations

Favourites

Activity


Mature Content Filter is On
(Contains: violence/gore)
Shikamaru Nara trovava che morire fosse molto più problematico di quanto si aspettasse od almeno lo era morire di stenti e di ferite da caduta. Ormai non si rialzava più da parecchie ore od almeno così valutava,visto che al giorno era ormai seguita la notte.
Sì … di certo era notte perché vedeva la luna sopra quella maledetta entrata circolare quaranta metri sopra di lui. Si morse il labbro per non gridare. O peggio piangere.
Lui riteneva che tutto il dolore che aveva provato -perché ormai sentiva poco del suo corpo,dolore incluso- fosse meritato visto che era sopravvissuto,non aveva salvato Ino  e soprattutto aveva permesso che ciò che aveva fatto al corpo della sua amica fosse stato inutile. Per lo stesso motivo non aveva usato il kunai che aveva in mano – o che almeno aveva in mano prima di perdere il concetto di possedere le mani- per farla finita in fretta. Lui si meritava tutto quello e non si sarebbe fatto il favore d’una fine rapida.
Tuttavia non poteva ignorare quella presenza  ancora e così parlò -od almeno credette di parlare- a ciò che c'era -o credeva esserci-di fianco a lui. "Esisti davvero... o sei... sei solo nella mia mente moribonda?"
La presenza divenne così un’ombra indistinta nella sua visuale annebbiata e la voce che sentiva adesso usava  un tono che  gli ricordava Choji quando qualcuno gli diceva del grassone ."Se sono solo nella tua mente... cosa sono?devo avere un motivo perchè tu mi abbia creato così,adesso."
Shikamaru inarcò le labbra che attraversavano il suo volto scavato. Evidentemente il suo delirio sfruttava bene il suo quoziente intellettivo."Probabilmente sei il mio senso di colpa e di disgusto per me stesso."
L’ombra indicò in un punto dove il genin Shikamaru della foglia sapeva bene esserci Ino.Ciò che restava di Ino,cioè, dato che una buona educazione del clan Nara comprende saper fare molto bene la macellazione di cervi e lui aveva smembrato con competenza animali molto più grandi d’una dodicenne."Per aver mangiato la carne della tua amica?l'hai vegliata in modo ammirevole fino all'ultimo,da vero shinobi." Avvicinò la testa all’ orecchio del ragazzo,uscendo così dalla sua visuale -od almeno ora Shikamaru credeva di vedere solo dei capelli corti molto scuri."uno shinobi è colui che resiste."
Sentì poi qualcosa colargli a gocce sul fianco destro per poi risalire verso volto e braccio."Cosa … cosa stai facendo?"
"Ti sto dando un'altro pò di vita,giusto per fare due chiacchiere… come ti chiami? "di nuovo poteva sentire il suo corpo ed il dolore diminuiva. Respirò pesantemente “Shikamaru…Shikamaru Nara.”
Di nuovo l’individuo si avvicinava all’ orecchio per farsi udire con la voce profonda." credi ancora che sia un'illusione della tua mente moribonda,Shikamaru Nara?"
"No ma ..."si giustifico l’altro. "non c'era niente quando ci siamo finiti e per quanto siano ovattati i miei sensi... guardavo l'ingresso sopra di noi."tossì due volte."Se non sei un fantasma... puoi muoverti attraverso il terreno roccioso." Girò la testa di poco,riuscendo a notare che l’uomo misterioso forse indossava  una veste scura a maniche larghe ".sei uno dei nostri inseguitori,quindi?"
"No ,ma hai ragione sul discorso di prima."continuò la voce profonda. "in questo pozzo non c'è niente tranne quello che uno ci porta prima o dopo esserci finito."gli sembro di vedere un sorriso innaturalmente largo ,forse seguito dal guizzare d'una lingua sulle labbra.Di nuovo gli ricordò Choji.Choji davanti al suo piatto preferito se non aveva fatto colazione ."E se ci porta certe cose … io arrivo."
Il giovane cercò d’analizzare i fatti al di là dell’atteggiamento dell’individuo che era lì e che poteva forse salvarlo. O forse mangiarlo come lui aveva mangiato Ino pensò ironico una parte del suo cervello."Come se uno ...per caso... mette la chiave giusta nel giusto lucchetto?"
"..." di nuovo la voce profonda all’orecchio."essendo uno shinobi pensavo usassi un linguaggio  più tecnico ma sì...coloro che sapevano hanno scritto in tempi antichissimi:"
”Il vivo con il vivo dentro il pozzo, due entrano uno esce.”
” Il vivo con il vivo in fondo al pozzo,nulla nel ventre così  uno vive e l’altro muore.”
” Il vivo con il morto dentro il pozzo,uno mangia l’altro è cibo”
” Il vivo con dentro il  morto in fondo al pozzo,aspetta la morte lenta.”
”Il morto con dentro il morto dentro il pozzo, sempre morto mai più fermo.”
”il morto mai più fermo in fondo al pozzo, conosce il modo e la fame.”
”Il morto mai più fermo fuori dal pozzo prende il sangue, nero chakra, nera pelle.”
”il morto mai più fermo uccide il nemico”
” il morto mai più fermo mangia il nemico morto”
” il morto mai più fermo mangia il nemico vivo”
”Il morto mai più fermo diviene vita per immonda esistenza"
"Cioè... “ricapitolò Shikamaru ripensando a tutto quello successo dase uno finisce qui dentro,insieme ad un'altro che estrae la... la pagliuzza corta e lo divora per fame, poi crepa lo stesso ... acquisisce dei poteri?"
"No... questo è quello che CREDEVANO gli autori ma in realtà aprire il lucchetto ,per rimanere nel tuo esempio, mi fà sapere che c'è qualcuno ed il pozzo può essere qualsiasi,non questo." Si guardava intorno e quest’azione fece capire al genin che indossava una specie di maschera liscia che copriva la metà destra del volto.“Anche se non è la prima volta che vengo qui per una cosa del genere... inoltre nessuno ha mai capito davvero le ultime quattro righe perchè le ho alterate.Ci sono ... cose private,capisci?"
Di nuovo s’abbassò verso l’orecchio del giovane steso a terra"Ma questo 'rito ',dicevo ,fa solo che io so, arrivo e valuto… valuto se il soggetto ha il potenziale per essere un capitolo della mia storia."
Ormai Shikamaru si sentiva il lato destro sotto una specie di seconda pelle che era divenuta il suo supporto vitale da quanto capiva.Perciò capiva che letteralmente viveva solo perchè l'uomo voleva parlare con lui.Una parte di lui sperò che fosse un chiaccherone."Sei uno scrittore quindi … che storia è?dubito sia una favola della buonanotte."
“…"l’uomo guardò verso l’uscita del pozzo,verso le stelle e la grande luna piena "in un certo senso lo è,invece … c’è una bellissima principessa da salvare,per esempio."
Shikamaru provò a muoversi ma anche se ci riusciva -debolmente-non poteva certo sopraffare l’altro , anche se ora sapeva d'avere ancora il kunai in mano.La massa fluida e densa ora entrava nella sua bocca e nelle narici,scendendo nello stomaco che si riempiva.Era piacevole lo doveva ammettere."Immagino che sia bellissima come tutte le principesse ma … non offenderti … tu sembri più lo spirito che fa l’offerta al viandante in difficoltà per prendersi la sua anima."
L’altro gli sollevò di poco il busto,così stava meglio ma capiva anche che l’altro l’aveva fatto solo per far fluire meglio il suo jutsu all’ interno.Una tecnica d’acqua pensava Shikamaru o forse un’abilità innata."Allora … fai l’offerta così ci togliamo da questa problematica situazione in ogni caso."
"D’accordo... ti darò peculiari abilità e conoscenze,oltre che a riparare sommariamente il tuo corpo cosicchè potrai usarlo. Non solo potrai uscire di qui  ma anche  vendicare i tuoi compagni e diventerai una forza per il tuo villaggio."
Shikamaru annuì debolmente."il prezzo?"
"tre cose."appoggiò le sue mani sulle spalle del genin "primo … morirai. E’ necessario perché io inserisca dentro di te una parte del mio essere , dandoti ciò che ti ho promesso."
"… tanto morirei in ogni caso."replicò ridacchiando il ragazzo.
"Seconda parte del pagamento: alcune tendenze ed appetiti che io possiedo le acquisirai anche tu."
"problematico sicuramente ma … posso conviverci."tentò di girare il collo per vedere meglio il suo bene ma lui lo bloccò deciso con una morsa di ferro ,utilizzando la destra e prendendolo sotto il mento.Non era ancora pronto a rivelarsi in volto e quindi il genin pensò che qualcosa nel suo volto l'avrebbe fatto riconoscere o riconoscere la sua appartenenza ad uno specifico clan."perciò ... immagino che la vera seccatura sarà l’ultima riga dell’accordo."
"Dimenticherai questa conversazione."
"chiaro …"fece il genin "… il tuo guadagno dall’ accordo è quello di creare una pedina per i tuoi progetti . Sono questi i capitoli della tua storia."
Sembrava che l'uomo apparisse soddisfatto dall'intuizione del ragazzo."Esatto e tu sei un capitolo in cui mi assicuro, che se mai sarò distrutto o sigillato, la mia parte dormiente in te,od in uno come te, si attiverà ricreandomi."
"E garantendoti il proseguimento dei tuoi scopi." concluse Nara"insomma sono un ... tuo backup."
"Esatto di nuovo,Shikamaru Nara."
"Credo però… ci sia un problema a questo accordo così vantaggioso ad entrambi." il genin fece un sorriso ironico"non credo proprio che i tuoi propositi finali siano a favore di konoha."
"vero ma … se muori adesso …"sussurrò in tono ragionevole la voce  "… i tuoi assassini probabilmente uccideranno la squadra che il sandaime hokage spedirà a cercarvi.Inoltre io non ho certo interesse ad infastidire,se non necessario, i progetti del mio backup."
"Esisterai... come sono affari tuoi."
"D’accordo …."alzò debolmente il kunai per vedere l'uomo o l'essere con cui si era appena accordato riflesso nella lama metallica“Tu come ti chiami ,allora?O-bake del pozzo?”
L'altro gli prese il braccio gentilmente per aiutarlo a posizionare l'arma Shikamaru ora lo vedeva . Ma non era davvero dietro di lui.Quella cosa fluida sul suo lato destro ERA quell'essere e quella che aveva intravisto non era una maschera. Il lato destro del volto del ragazzo era ora ugualmente nero,con una specie di bocca fatta di lame acuminate intorno alle sue labbra rinsecchite ed un taglio dell'occhio formatosi  intorno al suo occhio febbricitante ."Puoi chiamarmi … Zetsu."
shinigami speciale 2014
...........
tutto secondo il piano...
Loading...
Tre settimane dopo dal ritorno dagli esami dei chunin degli shinobi di Konoha tenuti a kumo.

Shikamaru stava ricevendo un cambio delle sue fasciature da Jugo ,sorridendogli mentre si tenevano le fronti appoggiate. Da quando era tornato il suo compagno era stato premuroso fino ai limiti del ridicolo con lui ma lo shinigami non si era sentito per nulla infastidito.Pensò che fosse bello sapere che qualcuno s’occupasse di te e tu lo sapevi ma ovviamente non l’avrebbe mai ammesso."grazie Jugo ... mi spiace farti preoccupare."
Il suo volto disteso però riprese la solita maschera di durezza nel sentire dei passi avanzare nel corridoio. Quando il visitatore entrò lo  guardò torvo come sempre ,quando lui ed il nuovo venuto erano da soli,Jugo non contava perchè per lui Shikamaru non aveva nessun segreto .”E’ qui in visita ufficiale?”
Kakashi fece uno dei suoi gesti di sufficienza con la mano. Aveva qualcosa in legno sotto il braccio destro,una specie di scatola quadrata.”no,ho molto tempo libero come ex-hohage debilitato… solo missioni diplomatiche in pratica.”
”Lo passi dove vuole ma fuori da casa mia.” Rispose Nara,indicandogli deciso il corridoio da dov'era venuto.Il suo tono era ora cattivo,mentre si metteva il kimono scuro con il simbolo dei nara,aiutato dal giovane dai capelli arancione.”Le dissi tempo fa che lei qui entra solo per faccende ufficiali o come hokage in carica… se crede che non possa buttarla fuori senza un braccio...”
”Sono qui per … bè … fare il ninja copia.”replicò tranquillo il rokudaime ignorando sia le minacce verbali che  l’aggressività che anche Jugo emetteva .Sapeva che era solo protettivo verso Shikamaru,non prevenuto per sé nei suoi confronti,e sapeva che di certo Nara era probabilmente ai minimi termini, nonostante le minacce. Fece un leggero inchino col capo allo shinigami.”devo ringraziarti per esserti occupato d’un mio allievo al posto mio e d’aver salvato Naruto.”
”Già… due su tre… giustiziati come traditori.” Nara alzò le dita della mano rimastagli,completamente bendate,sorridendo sardonico. Tremava visibilmente. ” ora credo che nessuno possa dubitare che lei come sensei sia un fallito. A parte Naruto, è ovvio …”incespicò e Jugo gli avvolse un braccio ,rapidamente mutato in ala, intorno alle spalle. La voce di Shikamaru era divenuta calda senza che se n’accorgesse,la linea dei suoi occhi s’addolcì.”Grazie Jugo.”
I due guardarono d'improvviso e simultaneamente male verso Kakashi. Si erano dimenticati che lui era lì ed il loro rapporto ,soprattutto il loro toccarsi fisicamente,era una cosa solo loro ed erano ferocemente ostili verso chiunque lo invadesse ,anche inavvertitamente , ma l’uomo però sembrava interessatissimo ad un rospo in pietra privo di occhi che si sventrava,rilasciando intestini e serpenti in legno rosso, dandogli così la schiena.”Voi due non giocate mai a shogi,vero?”
”…” Jugo apparve esitante,come colto in fallo. O come quando uno scopre un’imbarazzante segreto.”noi …”
Shikamaru gli accarezzò sorridente  la tempia e lo zittì con lo sguardo ,facendosi protettivo nel tono.”Jugo preferisce il go,ama la geometria.”
”Oh,certo ma sai cosa si dice? Che lo shogi sia un gioco dell’anima.” Kakashi si fece allusivo o forse appariva così a Shikamaru.”perciò persone molto … unite, come voi due, potrebbero di fatto giocare in modo da finire sempre pari.”Sorrise”Certo … dev ’ essere molto bello avere qualcuno così.”
I due giovani si scambiarono uno sguardo,Jugo strinse inavvertitamente a lui Shikamaru che controbattè incerto.”Se anche fosse… a lei che importa?”
Lo sguardo di Kakashi ora era di sfida. Quel tipo di sfida che non si può rifiutare ,pena ammettere implicitamente che chi ti è davanti ti è superiore e non solo fisicamente. ”Ti và di fare una partita, Shinigami?”Allungò la scatola che teneva sottobraccio:una plancia da Shogi”O sei troppo provato?”


I due shinobi si fronteggiavano,seduti davanti alla plancia. Jugo,in forma d'una specie di grosso leone forniva appoggio a Shikamaru .Come sfidato fù lo Shinigami ad iniziare. Per un pò non si dissero niente e l' unico rumore il battere rapido delle tessere sulla plancia,legno su legno,tick tick ,tick.... tick.
”Domani arriverà Kankuro per crearti la protesi” Kakashi avanzò la sua pedina ”immagino che avrai già progettato una specie di coltellino ninja multiuso.”
”…” Shikamaru mosse la sua di lato”di certo me lo farà ridimensionare e deciderò cosa tenere… una protesi non è una trappola meccanica come quelle che preparo io.”Il rokudaime avanzò di nuovo con lo stesso pezzo,grattandosi la tempia.
”Potevi farti innestare un braccio da un cadavere... l’avevi già fatto,no?”L’altro bloccò la sua avanzata e Kakashi mosse la sua torre.”A parte la novità d’un braccio meccanico … perché vuoi pagarlo tu?Hai perso il braccio in azione … come se facessimo pagare le cure prestate dai nostri medici. “
”Affari miei  ma se proprio vuole saperlo …”la torre di Kakashi fu presa ”… come cliente avrò l’ultima parola nel progettarlo e nell’ avere il controllo.”
“Capisco .Prevedibilità,pianificazione e … controllo.”fece lui allusivo e ritornò su uno dei pezzi già impiegati. ”mente,tecnica e corpo. Le parole preferite dal nidaime.Allora è a lui che vorresti assomigliare se sarai mai Hokage?Per questo ti siedi sulla sua testa oppure è anche quello un depistaggio, come la falce?Ci hai fatto nominare Naruto come shikaidaime quando avresti potuto avere tu la carica ma tu ,come suo primo consigliere, potresti sempre manipolarlo ed essere il vero potere,sfruttando la sua capacità di rapportarsi agli altri.”
Shikamaru catturò un pezzo.“Sinceramente... non voglio essere Hokage”
“Seti chiedo perchè mi mordi?”replicò l’altro studiando la plancia.
“Essere hokage.... è problematico.” Disse il giovane,passandosi la mano nei capelli”e sopravvalutato”
”Sarò hokage e salverò il villaggio... sarò hokage perchè l'hokage è il più forte ninja del villaggio... hokage... hokage... hokage...”il suo tono era di chi è stufo di sentire sempre gli stessi discorsi che lui riteneva infantili,battendosi il pugno sulla fronte ogni volta che diceva hokage.”Se uno vuole difendere o salvare il villaggio non ha bisogno d'essere hokage,basta essere uno shinobi di Konoha.”puntò l’indice verso il suo avversario. ”Hizashi Hyuga ed Itachi Uchiha... sono stati hokage esattamente come quelli che hanno il volto scolpito sul monumento,hanno deciso di dare la vita per il villaggio.”
”Quindi ...ognuno deve sentirsi come Hokage e proteggere il villaggio?” Kakashi avanzò il pezzo d’una casella”una profondità ...ammirevole.”
Shikamaru fece rapidamente la sua contromossa, accompagnata da una smorfia di disgusto.”I complimenti superflui …  mi danno la nausea ,proprio come chi li cerca.”
Il rokudaime lo guardò grave ,catturando il pezzo alla sua destra.”Non tutti sono forti come te , Shikamaru. Molti, troppi, sono come Sasuke e Sakura:deboli,insicuri e schiacciati dal dolore.”
”…” Shikamaru mosse un nuovo pezzo all’attacco,neutralizzando la strategia di Kakashi.”Non voleva ringraziarmi per Sakura?Lo faccia … così le posso rinfacciare che è tutta colpa sua.Non ha saputo educarla, farla maturare … proprio come Sasuke."
Si allungò verso l’uomo,sibilando ”Non ha saputo proteggerli … da me. ”
”Da te,Shikamaru? ” Il rokudaime lo fissò e poi stoppò la sua avanzata.” Il fatto che abbiano entrambi incontrato la fine per mano tua è solo un caso in fondo. Sono state le loro azioni, le loro libere scelte a portarli nella tomba.”Nara mosse un pezzo per preparare una controffensiva da far scattare tra due mosse e l'uomo mosse un pezzo minore,prendendo tempo.”Hai ragione a dire che è colpa mia ma non ho fallito a proteggerli da te. Ho fallito a proteggerli da loro stessi.”
”Almeno … lei non fa finta che Sakura sia ancora viva .” replicò funereo il giovane,catturando uno dei pezzi più pericolosi dello schieramento di Kakashi.”o peggio s’illude che lo sia Sasuke,come Naruto.”
”In fondo sono punti di vista …  come dire se il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto,no?Sono tutti felici della serenità di Sakura”fece l’altro ,nell’evitare di bloccarsi ,rafforzando la sua linea.”inoltre quello pseudo Sasuke …  da come l’hai descritto sembra proprio lui.”
”Il tuo resoconto era un po'...ambiguo su Itachi.”si massaggiò il collo mentre Shikamaru faceva la sua mossa ”Perchè hai cercato di catturarlo vivo?Eri messo male dopo lo scontro con Orochimaru.”
”....” Il giovane sospirò,irritato”era più utile vivo che come Yakiniku nel mio piatto,avremmo avuto dati preziosi su Madara. ”
”Avrebbe anche potuto confessare che controllava Sakura fin dall'inizio con lo sharingan.”propose  l’uomo dai capelli argentei”così … lei sarebbe passata da traditrice a vittima, soprattutto se ad itachi fosse stato suggerito di usare lo sharingan per farglielo credere... le vittime non si giustiziano,si aiutano.”
Continuò, mentre Shikamaru distoglieva lo sguardo,mordendosi il labbro inferiore. ” di certo Itachi,se glielo avessi proposto ,avrebbe accettato per proteggere Sato e Sakura. Gli offrivi un sostituto nel suo cuore a Sasuke.”
"Offrivo a me stesso di non dovermi guardare continuamente da lui e Sakura, non l’ha capito?" Nara ridacchiò” Invecchiando si è rammollito,analiticamente.O forse mi ha scambiato per il suo allievo superstite.”
“Giusto... la doppia lettura” annuì l’uomo,muovendo in sincronia gli indici.” quella in cui tu non hai che interessi personali, in cui tutti sono pedine da muovere per la sicurezza di konoha e nient'altro. Però... non sei riuscito né a catturarlo né ad ucciderlo e così Sakura ha dovuto morire per Naruto.”avanzò con uno dei pezzi migliori”Una curiosità,quando hai detto a Sakura ogni cosa che avevi fatto per lei... le hai detto di Sato?Che hai evitato che finisse nella radice? ”
”...”Nara fece scosse il capo ” lì non centrava Sakura, semplicemente la valutazione di Danzou-sama era sbagliata.Sato Haruno non era un' orfano perciò non era la radice a doversi occupare di lui ma sua madre... per quanto sia stata pessima come genitrice.” piazzò un pezzo minore come esca.”oltre a questo... insistere avrebbe portato ad un conflitto con gli Inuzuka. Comunque farle credere il contrario mi è stato utile per farla stare zitta sulla faccenda Uchiha.”
”Ed a odiarti.” concluse Kakashi,evitando la sua tattica con un riposizionamento a lato”potevi dirle della promessa fatta ad Ino.”
l'altro annuì.”Potevo,certo ... ma non è il mio stile. La promessa fatta ad Ino era un mio problema non di qualcun'altro ,neanche di lei che ne era oggetto.”ci fù un rapido spostamento di pezzi,legno contro legno come un ticchettio.”Naruto sì che sarebbe potuto finire nella radice ma è stato molto  meglio che non sia successo,non ha le giuste caratteristiche per un'anbu.”
Kakashi ponderò in apparenza il pezzo che aveva perso.”Tu esattamente come ci sei finito? Non eri un'orfano ed anche se hai le giuste caratteristiche... dovevi essere un'anbu,appunto, non uno della radice.”
Shikamaru controbattè in apparenza annoiato.”Lei perchè è entrato negli anbu?”
”Me lo chiese Minato-sensei.”
”...”Nara annuì con un sorriso che Kakashi non riuscì ad interpretare ”io ricevetti l'invito da Danzou-sama... mi teneva d'occhio fin dall'accademia.Si era accorto del mio trucchetto.”
"I miei voti erano come quelli di Naruto ma con una differenza che non risulta a leggere i fogli d'Iruka-sensei.” piazzò un pezzo nel centro della plancia,tagliando delle avanzate.””Lui si dannava tutto il trimestre per la sufficienza mentre io la raggiungevo nelle prime due-tre settimane.”
Kakashi capì il senso”Così per il restante trimestre dormivi e guardavi nuvole... astuto come tuo solito.Lui te lo propose ma perchè accettasti?”
”Per un dettaglio in apparenza secondario ma che le dà ragione su certe sue problematiche osservazioni su di me.” fissò l'altro dritto negli occhi"Che era stato allievo del nidaime.Volevo che mi dicesse dei suoi pensieri,di quello che non era negli archivi ... di ciò che c'era di lui in Danzou.”chiuse gli occhi e sogghignò, compiaciuto.”Ma  chiedevo lo stesso al sandaime, cercando d'evitare che ognuno dei due sapesse che chiedevo all'altro, come si fà con i soggetti d'un esperimento.”
”Immagino che le due vision fossero ...parziali,prese una alla volta.” azzardò l'uomo”e cosa... hai ottenuto da questo tuo astuto esperimento?Una rivelazione sulla vita dello Shinobi,del villaggio o dell'essere Hokage?Un senso ad essere lo Shinigami di konoha od a ritrovare lo Shikamaru Nara che cadde in quel pozzo?”
”Le dirò questo... nè il sandaime nè Danzou -sama  hanno capito la sua idea per il villaggio.”Shikamaru aveva lo sguardo perso nelle sue stesse parole”lui... non vedeva l'hokage come suo fratello,lo shodai."
"Rifacciamo un passo indietro."replicò l'uomo di fronte a lui,causando uno sguardo interdetto al giovane moro. "Danzou aveva capito il tuo trucchetto all'accademia ma come spesso capita con Shikamaru Nara una cosa in realtà o ne nasconde un'altra od ha una doppia lettura."Catturò un pezzo di Shikamaru."Danzou aveva capito anche che se avessi voluto avresti potuto  diplomarti a ... direi 7 anni."
"..."Nara piazzò un pezzo in difesa.
"Ma se fosse successo una vita da ninja qualsiasi sarebbe stata impossibile.Purtroppo c'è una falla nel piano per essere uno dei tanti:  con le tue capacità non saresti mai potuto essere uno del mucchio,per quanto ti possa essere sforzato.Eri un drago addormentato ma pur sempre un drago."
"Come shinigami, Shikamaru nara o membro del team ino-shika-Cho ... saresti lo stesso giunto ai vertici di Konoha,inutile farsi illusione.Il sogno di Naruto d'essere hokage si è potuto realizzare perchè per quanto difficile era realizzabile ma il tuo ...no davvero."
"Già ,ma finchè è durato... è stato bello:scappare dalle lezioni con Naruto,mangiare patatine con Choji,girare nei boschi con kiba ... perfino sentire blaterare Ino su Sasuke."
"La diverto?"
"Divertire?No." indicò la figura leonina"Guardo Jugo,Naruto,tuo fratello e tanti altri.Vedo loro e sono felice,Felice per te."
”Il suo gioco è … patetico,Kakashi.”sbottò Nara, come offeso,bloccando due pezzi del rokudaime con una sola mossa per poi fissarlo dritto negli occhi. ”cerca solo di minimizzare le perdite.”
Kakashi rimase impassibile , capendo che c’erano più opzioni per Shikamaru ,tutte legate alla sua scelta di quale pezzo muovere.Tante strade,tutte molto divergenti.”Invece il tuo è ambiguo : ogni mossa è interpretabile in doppia lettura,se una strategia viene bloccata è buona per la seconda ma … il fine è lo stesso?”mosse un pezzo sacrificabile”Anche il tuo agire e parlare …”
”Ho già un padre e siamo d’accordo che come sensei  lei è un fallimento.” La sua nuova mossa fù rapida. ”Come lo yondaime… già, i problemi caratteriali hanno una ben precisa origine. Almeno però come Hokage è stato grande.”
Kakashi mosse la lancia.”E come rokudaime io come sono stato per lo shinigami?Puoi dirmelo tanto non tornerò mai in carica date le mie condizioni.Ormai il gioco è finito per me a quel tavolo.”
Nara attaccò a sua volta con lo stesso tipo di pezzo.”Tutti dicono che non ha fatto errori ed è la verità.”lo guardò dritto negli occhi,impietoso. ”Non ha fatto NIENTE.” Strinse il pugno bendato,colpendo il suo ginocchio.”Non c’è stato niente nel suo regno che abbia danneggiato o migliorato Konoha… tanto valeva metterci il vecchio Teuchi al suo posto.”osservò la mossa avversaria e poi sorrise,muovendo la sua torre. ”Madara ha fatto un grande servizio al villaggio,permettendo che Naruto prendesse il suo posto.”
Il rokudaime bloccò la torre.”Ti ha risparmiato una situazione molto  problematica,vero?Di occuparti tu di me, come con la missione di ricerca su Itachi.”si grattò la fronte”come pensavi di farlo?”
”…  no, non l’avrei mai toccata,mai.”  il tono del giovane era di sincera indignazione”certo...  speravo che facesse un passo indietro ma appunto come sensei fa schifo.Non ha avuto fiducia in Naruto, a differenza di me.”
”Fiducia?” l'uomo sospirò,scuotendo la testa “Avevo paura… del suo sogno.Ogni volta che si metteva in una situazione folle,diceva di poterne uscire perché non sarebbe morto fino a che non fosse divenuto hokage.”si grattò la fronte”Ma ... una volta che lo fosse diventato?”
Shikamaru si mise la mano bendata sulla faccia e fremette mentre la sue risate riempivano la sala, moltiplicandosi e distorcendosi per l'acustica predisposta.”No,davvero… lei è proprio un fallito… crede che  Naruto non morirà?Un giorno che sia per un’ avversario o per l’incedere inclemente del tempo... morirà anche lui.E’inevitabile.”rialzò la testa,la tristezza negli occhi e la voce strozzata.”Alla fine… morirete tutti.”
”…”Kakashi continuando a guardarlo mosse la sua pedina. ”hai lasciato un’apertura nelle tue difese Shikamaru.”il giovane abbassò lo sguardo e guardò il pezzo che il suo avversario aveva piazzato .Non disse nulla ma i suoi occhi dicevano tutto della sua valutazione delle successive mosse.
La voce di Kakashi era triste.Triste per lui,per aver capito qualcosa di nuovo dello Shikamaru dentro lo shinigami.”Certo tutti moriremo, inevitabilmente … e ti lasceremo.” Indicò con un’ampio gesto la sala grottesca nella sua architettura.”Hai creato questo posto non solo per dare forma al dolore delle anime rabbiose dentro di te e placarle,gestirle, ma anche al tuo.”
Shikamaru mosse con esitazione un pezzo,l’altro replicò subito muovendo a sua volta.“Abbandonare dolore ed insicurezza dev’ essere una tentazione continua di fronte alla prospettiva d'un viaggio senza apparente fine.”Il rokudaime sospirò ”Però c’è una falla che fa e farà sempre fallire ogni tuo piano in questo senso: tu non sei feccia come me e non lo sarai mai.”
”Sembra che tu … abbia perso,Shikamaru.” Disse infine indicando la plancia”certo è questione di punti di vista.”
“No, non è questione di punti di vista in una sfida,rokudaime.O si vince o si perde.Io... ho perso in sei mosse.”sentenziò ,di nuovo padrone di sè ,lo shinigami. “Certo… posso apprendere da questa sconfitta e rafforzarmi.”Si alzò,andando verso una libreria e prendendovi un volume dalla copertina verde.
”Merita un premio, Kakashi.” allungò un libro di medie dimensioni con impresso il simbolo dei Senju in rosso ed il titolo in oro ”le piace leggere,vero?Tenga ...è un libro di poesie dello Shodai.”
Kakashi prese il libro,chiedendosi quale fosse la trappola che lo shinigami gli stava tendendo.”Ora… esca da casa mia.”
Alcuni giorni dopo l’attacco di pain a Konoha.

Shikamaru era seduto sulla testa del Nidaime del monumento degli hokage, gli occhi chiusi,la testa appoggiata al pugno sinistro e le gambe ciondolanti. Non si godeva le nuvole, non si godeva il bel tempo e neanche la vista del villaggio che veniva riparato. La sua figura era una contraddizione: nato 16 anni prima non era invecchiato d’un giorno da quando ne aveva 12 ma i suoi occhi facevano paura anche a molti jounin col doppio della sua età.
Aprì gli occhi e guardò invece la voragine causata dal deva pain fuori dalle mura, dove aveva combattuto Naruto, involontariamente si leccò il labbro superiore con la punta della lingua. Non ci voleva molto a sovrapporla al villaggio e capire che se Nagato l’avesse usata al villaggio ora ci sarebbero rimaste solo le mura. Sarebbe probabilmente successo questo ed anche di peggio se lui non avesse impedito a Danzou il suo tentativo di colpo di mano, tenendo Naruto fuori dal conflitto. Sbuffò,mentre il vento portava le voci degli abitanti del villaggio. Naruto, eroe e  fortuna erano le più comuni.
Fortuna e sfortuna .
Lui sapeva bene che nel mondo degli Shinobi era il nome usato per l’agire di quelli come lui che commettevano il delitto perfetto perché questi, proprio perché perfetto, non è un delitto. La fortuna uno se la deve costruire, per sè e per il proprio villaggio ma siccome nulla si crea dal nulla la fortuna di uno vuol dire inevitabilmente la sfortuna di qualcun altro.
Il suo umore comunque era pessimo ma non perché nessuno facesse il suo nome in congiunzione dell’ impresa che aveva salvato il villaggio ma perché adesso doveva preoccuparsi  d’un altro problema, sia di Konoha che personale. Una voce nota arrivò da dietro di lui e il giovane Nara sospirò. Altre seccature.
”Conosci quella storia secondo cui uno si trova meglio a guardare il villaggio dalla testa dell’hokage a cui si vorrebbe assomigliare?” si girò verso Kakashi in maglietta azzurra che era dietro di lui”Ten-ten si siede sulla testa del  godaime e Kiba su quella dello shodai.”si sedette di fianco al giovane che lo guardo torvo. L’uomo  sapeva bene di non piacergli ma sorrise ”Tu …  invece noto che ti siedi sempre qui ,sul nidaime.”
”…”lui riprese a guardare davanti,all’orizzonte . ”io non guardo il villaggio ma la luna.”
“Sono le 10 di mattina.”
Il ragazzo si attorcigliò i capelli con l’indice.“Altre annotazioni che sarebbero chiare anche al mio neonato fratellino, Kakashi?Non dovrebbe comunque essere in ospedale per quella crisi di due giorni fa?”
Kakashi ignorò il suo tono.”Ho saputo che guiderai il gruppo alla ricerca d’ Itachi al mio posto.”
”Sì”si mise l’indice ed il medio della destra sulla tempia ”e’… seccante,davvero seccante ,ma la mia presenza è necessaria, visto che ora sappiamo la verità sul massacro Uchiha. Uccidendo Sasuke … sono diventato il suo bersaglio,colui che ha nullificato il perché di tutto ciò che ha fatto.”
Kakashi capì il senso tattico del discorso.”… ti offri quindi come esca se il team di Kurenai-san non dovesse riuscire a rintracciarlo?Astuto,come tuo solito.” Cercò di scrutare anche lui davanti a sé,per capire se Shikamaru in realtà osservasse qualcosa per davvero.”Anche se è … strano.”
”Come insegno a tutti nella radice: per prima cosa elabora un piano,subito dopo elabora quello di riserva.”rispose lui con tono sgradevole.”so che è strano che qualcuno di Konoha pensi,visti gli ultimi anni disastrosi.”
Kakashi tossì,c’era sempre molto vento lì e lui teoricamente doveva essere in ospedale,si sentiva molto debole per davvero e cosa peggiore neanche Tsunade capiva cosa fosse quella spossatezza.”C’è anche un’altra interpretazione: ti stai esponendo per Sakura.”
Nara sogghignò.”Chi ?Quella che mette la mia foto sul tronco prima d’abbatterlo a pugni?”
”Anko mi ha detto della tua reazione alla notizia della sparizione del suo dossier,di quando hai capito che era un bersaglio. ” continuò l’altro,ignorandolo.”Ha detto che se non fossi stato tu … parlerebbe d’un coinvolgimento emotivo.”
”Mi sto esponendo sia per eliminare un potente nemico della foglia che per salvaguardare una grande risorsa di Konoha: l’allieva di Tsunade-hime che ha ereditato le sue capacità.”spiegò il giovane chiudendo gli occhi e stendendosi di schiena sulla roccia”Proprio come Naruto ha ereditato quelle di Jiraya-sama.”
”E tu quali hai ereditato Shikamaru? Quelle di Asuma, di Hayate o di Danzou?”
“Se incontri un Buddha sul tuo sentiero,uccidilo.” Rispose il moro senza riaprire gli occhi.”E’ spesso destino che un’ allievo superi il maestro ed ogni sensei lo sa bene ma …  raramente … capita che sia anche l’allievo a capirlo.”cominciò a strappare dei fili d’erba”Ognuno di loro mi ha lasciato qualcosa , mi ha permesso di maturare ed infine superarlo. .. proprio come Naruto”
“Ma a differenza sua io sono stato fortunato,molto fortunato.” si ritirò su e trafisse l’altro con lo sguardo.”Nessuno dei miei sensei  è un fallito …  come lei.”
”…”Kakashi guardò verso il villaggio che appariva ora molto lontano.” Sai?Non sei molto gentile con un senpai convalescente.”
”Si rassicuri … sta benissimo.” Rise Nara,maligno. ”Gli esami che l’hanno fatta escludere dal servizio attivo sono falsati da alcune sostanze che le ho fatto assumere.”
”Perché l’hai fatto?”il tono era di curiosità sincera,priva di risentimento. Sapeva che con Shikamaru tutto era logica e tecnica.
”Molti ci paragonano,lo sa?”cominciò lui grattandosi la fronte. ”Talenti precoci, unici superstiti del nostro team , con un senso di colpa verso la componente femminile del gruppo e con una reputazione tale che molti che c’incontrano sul campo di battaglia fuggono o s’arrendono.”
”Talenti precoci … è…” fremette di rabbia. Era rarissimo che mostrasse una qualsiasi sentimento a chiunque ma ora Kakashi vedeva l’umano Shikamaru dentro quella macchina efficiente che era lo shinigami.”… è … umiliante,lo sa?.Lei ha talento, come l’aveva Sasuke ma io … e Naruto?no,sempre stati gli ultimi della classe. Il nostro è solo duro lavoro.”
Kakashi si rattristò ed abbassò il capo.”Sono felice che rispetti Naruto a modo tuo ed non ho mai negato di essere feccia.”
”Quello che lei pensa di sé non m’ interessa.”gli puntò l’indice al petto ”Sa perché lo penso?Il suo arrivare tardi, il suo fare il buffone ed il suo continuo dire di mettere i compagni prima di tutto. Questo non è Kakashi Hatake ma Obito Uchiha.”
”Lei è un fallito perché ha preso il manierismo del suo amico per farlo continuare a vivere, per lenire il proprio dolore, annientando sé stesso.”i suoi occhi guardavano Kakashi come si guarda ad sacco di spazzatura maleodorante ”E’ solo un egoista … ed un vigliacco, privo d’amor proprio.”
”Sasuke era poi uguale a lei. C’ero cascato anch’io sa?All’accademia pensavo che fosse fantastico in ogni cosa facesse ma poi alla prova dei fatti? E’ fuggito perché Naruto col suo duro lavoro l’aveva superato ed invece di prendere esempio …”diede un pugno alla roccia ”… solo un vigliacco e per colpa sua ho rischiato di perdere i miei primi sottoposti, tra le migliori promesse di questa generazione.”
”Hai pienamente ragione,Shikamaru.” Annuì Kakashi”Il fatto che ti paragonino a me è … offensivo , tremendamente offensivo nei tuoi confronti inoltre … non ti ho mai ringraziato per esserti occupato di Sasuke,salvando Naruto, quando dovevo essere io a farlo come loro sensei e comandante.”
”Anche il tuo giudizio su Sasuke è giusto: era un vigliacco, proprio come lo sono io .” Sospirò nel ricordare l’allievo scomparso.  ”Chiaro … mi hai messo fuori gioco sia perché non credi che io meriti d’alleggerirmi la coscienza, salvando Sakura, sia perché per Naruto io sono ormai solo un peso.” Guardò verso la sede segreta della radice ” proprio come Danzou lo era diventato per Konoha ed  hai così fatto in modo che fosse messo al guinzaglio ma … non eliminandolo,no .Danzou ,a differenza di me,ha il tuo rispetto.”
”Per questo il tuo agire non ha compreso la sua eliminazione fisica o la sua pubblica umiliazione.”sorrise tristemente  ”No,davvero … è la prima volta che lo invidio,come sensei,  guardandoti così rispettoso della sua persona.”
”Non ti fai influenzare dai sentimenti, non hai problemi dalle apparenze su di te ed aiuti gli altri senza che lo sappiano”ora era lui a cercare di trapassare l’altro con lo sguardo. ”ma anche se non t’influenzano … quei sentimenti ci sono,vero?Prima non guardavi l’orizzonte ma il villaggio … sembravi infastidito.”
”…”Shikamaru passò lo sguardo da un lato all’altro di Konoha ,riascoltando le stesse parole: Naruto, eroe e  fortuna. Serrò la mascella,dando un pugno alla roccia, la sua voce una lama .”Ipocriti.”
Indicò una degli assembramenti di gente,dove si vedeva un punto arancione sballottato da una parte all’altra.”Guardi … come sorridono a Naruto e fanno a gara per offrirgli un ramen,abbracciarlo, ora che li ha salvati da pain… gli stessi che lo buttavano fuori dai negozi o dicevano ai loro figli di non frequentarlo, che magari gli tiravano un sasso alle finestre nella notte.”
Kakashi scosse la testa. Nonostante il tono fosse sincero , nel suo disprezzo  ,tutto in Shikamaru gli raccontava altro.”Il tuo sdegno Shikamaru però non spegne la tua volontà del fuoco: il tuo amore per il villaggio è troppo grande.”
“…” Il moro rimase interdetto a quell’affermazione e tentò di ponderarla. Ritornò in apparenza analitico come sempre.“Amore?Non credo che un’ essere come me lo possa avere ma … so che se non  facessi così … non starei  bene con me stesso.”fece spallucce ed un mezzo sorriso  ”Forse … sono anch’io egoista e vigliacco.”
”Forse …” disse Kakashi,  ben sapendo che era l’esatto contrario ma che Shikamaru , come shinigami, sarebbe andato in pezzi a realizzarlo in quel momento davanti ad uno come lui.”... come pensi di gestire Naruto ora che il ciondolo dello shodai è perduto?”
Shikamaru si grattò la guancia,involontariamente leccandosi le labbra con la lingua. Non lo sapeva ma lo faceva spesso davvero spesso, generando peculiari  voci e sguardi su chi sapeva di certi suoi appetiti.”La prima idea è uno degli ulteriori motivi per cui ho scelto il vecchio team 8 : Hinata. Sono certo che utilizzando lei come focus emotivo riuscirà a dominare il kiuby.”
Kakashi annuì la sua approvazione”Ragione e sentimento,quindi … e la seconda?Il piano opzionale, quello di riserva che prepari sempre ed insegni a preparare. ”
Shikamaru si protese allora verso di lui e questa volta il suo leccarsi le labbra non era involontario.”Un altro motivo perché l’ho fatta indebolire: pensavo di mangiarla e prendermi il suo Sharingan , impiantarmelo poi se fosse necessario , controllando il kiuby e sopprimendone la volontà.”
L’uomo non si scompose anche se sapeva bene che  adesso,in quelle condizioni, era di certo una facile preda per lo shinigami e non dubitava che per Shikamaru fare fuori lui, perfino mangiarlo,sarebbe stato molto meno problematico che mettere da parte Danzou.Inoltre aveva ragione: lo sharingan era uno dei motivi per cui il sandaime aveva messo Sasuke e Naruto nello stesso team.
Sapeva perché era così efficiente come Ninja inseguitore:da quando lui era in carica scappare dalle prigioni di Konoha voleva dire chiedere di essere seppelliti nel suo stomaco. Aggrottò la fronte.”Allora stanotte … non era un’ incubo quello di vederti proteso verso il mio collo con la bocca aperta ?”
Lo shinigami strinse gli occhi.”Non ha importanza,ormai.”
“Pensavi hai detto … adesso non più?Hai rivalutato la cosa?”
”Esatto … “Shikamaru si ritrasse.”… Naruto a perderla adesso … anche per postumi dell’aggressione di Nagato…  sarebbe troppo problematico.,inoltre da uno come lei non voglio niente,neanche per salvaguardare il villaggio. Se Hinata non sarà sufficiente … m’inventerò qualcosa sul momento.”Allungò un foglio all’uomo. ”Questa è la formula del composto usato … prepari l’antidoto quando saremo lontani e convinca il godaime che lei è più utile qui, adesso. Il che è vero.”Si alzò per andarsene.”Se me la ritrovo tra i piedi prima di aver  finito con Itachi e Sakura …”
”… mi capiterà uno spiacevole incidente nell’immediato futuro, chiaro.” Concluse l’altro.”e tu sarai sazio per molti giorni.”
Vi fù un mezzo minuto di silenzio poi l’uomo riprese la parola.“So che ormai sei uno degli shinobi più ricchi della foglia…  praticamente solo missioni di rango A ed S dai 13 anni ed in pratica non hai mai speso nulla.”
“Vuole un prestito?”Nara si battè la mano dove teneva il portafogli“le faccio lo stesso interesse di Tsunade-hime.”
“No… ma conosco quelli come te. Per loro il denaro è come ogni altra cosa: solo un mezzo come un'altro per un fine.”guardò verso una parte di Konoha ormai disabitata da anni.”Per esempio ti sei comprato il quartiere Uchiha e lo vuoi riadattare … farne un’unica,grande casa.”
”…” Il moro guardò anche lui verso il quartiere che aveva comprato”esatto, voglio qualcosa che a Konoha non esiste e perciò me la devo creare :un posto adatto a me, per starmene da solo.”
L’uomo ridacchiò.”Da solo?E Jugo il bipolare?”
Shikamaru  si chinò su di lui mentre rispondeva.”Affari miei,visto che Konoha non è un cratere e non dobbiamo scolpire un’altra testa su questo monumento.”
”Un giorno … forse lei sarà anche nominato Hokage ed avrà il mio pieno sostegno e la mia fedeltà ma …  mai e poi mai il mio rispetto,se lo ricordi bene.”detto questo si lanciò di sotto, verso il villaggio,per raggiungere il team Kurenai per l’incontro prefissato.
shinigami 59
nel prossimo.... ShikamaruvsKakashi!!!Shuriken! Spyed (deviantART Co-Founder) 
e.... dettagli su altre vicende dietro le quinte
Loading...
Mature Content Filter is On
(Contains: violence/gore and ideologically sensitive material)
"Vorrei occuparmi di scienza e filosofia, costruire meccanismi che riproducano il moto degli astri e scatole musicali con musica da me composta, magari insieme a mia figlia." sospirò triste."una cara, dolce principessina dai capelli argentati.”
Abbassò il capo“Ecco… cosa vorrei."
"Invece sono … anzi, no…”fissò determinato il fratello.” … DEVO essere …  un creatore di jutsu assassini in un mondo in cui tutta la bellezza è seppellita sotto sangue e merda da una rivoltante umanità, in un mondo che mi ha costretto ad imparare ad usare un kunai invece che uno xilofono …"
Sorrise" A proposito… scommetto che non sai che amo lo Xilofono,Hashirama ."
"Tobirama… io…"
Il fratello minore colpì un successione i diversi kunai sul tavolo.“ecco vedi?din, din, din... ” colpì l'ultimo in modo che emise una nota metallica acuta e guardò il fratello “...Din”
“Tu allora in tutti questi anni, fin da quand'eravamo bambini...” Hashirama rivide mentalmente tutte le volte che aveva visto fare al fratello quei gesti pseudo-scaramantici “...fingevi di provare la resistenza dei kunai per...”
Tobirama lo riguardò come guardava l' Hashirama tonto,descrivendo cerchi nell’aria con l’arma."Ah, scusa fratellone, dimenticavo che sei sempre stato troppo occupato a giocare d’azzardo ed immaginarti a tirare sassi sulla riva del fiume con Madara… tra parentesi non pensi che sia un po’ troppo gay, come fantasia?"
Ribattè su uno dei kunai due volte"… comunque,passata la fase dello xilofono ho dovuto fare da madre a voi tre poi... "
"Ah sì… Devo fare IO il fratello maggiore . L’ho sempre dovuto fare."
Hashirama chinò il capo, sconsolato." Allora non hai mai creduto in me?"
"Non credere in te?" battè un kunai due volte, poi il più piccolo una.”Ma è proprio perché credo in te che ho fatto e sto facendo ogni più lurida cosa."
" Hagimoto Dai,Sarutobi Sanzo ed Hogami Tenzu "ad ognuno di quei nomi del passato alzò un dito della sinistra " Loro nelle loro epoche, come credo tu adesso, riuscirono a porre fine a massacri assurdi ed illogici ma tutto il loro lavoro finì con la loro morte."
"Non hanno creato niente per perpetuare la loro visione ma tu … hai noi."
"I cugini intelligenti ed imbattibili?"chiese ironico il maggiore.
"Soprattutto lungimiranti … io non sono solo la tua ombra, Hashirama."appoggiò i gomiti sul tavolo ed il mento sopra le mani, guardando il fratello come si guarda un figlio eccezionale "Sono il tuo creatore"
"Il tuo eccezionale talento se io non l’avessi sempre  protetto, coltivato e stimolato forse non sarebbe all’apice come adesso e se io non avessi ucciso nostro padre non avresti potuto essere il capo dei Senju quando c'è stato da concludere quell'armistizio, evento che ti ha permesso di allacciare rapporti con tutti i clan lì presenti “diede un nuovo morso al suo pasto”come se non avessi cercato di sviluppare jutsu estremi per te non avremmo l’arsenale che ora abbiamo."
"Tutto questo Tobirama… sei sempre stato tu ma Hamaru?"
"…"Gli occhi rossi del minore si strinsero a fessura "Su arrivaci , puoi farcela."
Hashirama realizzò."Tu, la mente dietro a tutto questo sei solo tu. Hamaru è solo … come un’apprendista."
"Per cui io sarei una specie di oscuro maestro?"indicò con le mani la carne davanti a sè "bè immagino che il mio attuale pasto non giovi a smentirlo... certo sembra più uno dei tuoi fumetti commerciali."
"Comunque a seguire questa tua ‘logica’ Hamaru non è stato il mio primo … apprendista."
Il maggiore annuì"Homaru… era lui il primo ad aver parlato del pozzo."
"Già, mi ero accordato con lui ma poi come ricordi fù ucciso dal vecchio proprietario di samehada. " confermò l’altro “ora però tiriamo le conclusioni. Come tuo consigliere ti direi che ti rimangono tre opzioni praticabili."
“La prima: uccidermi … ma purtroppo sappiamo entrambi bene che Hashirama Senju non può che cercare di salvare il povero fratellino deviato dal terribile trauma infantile dello xilofono.” Ridacchiò ”din,din din,din”sbadigliò e scosse la testa .”no davvero... perchè secondo te la gente non apprezza lo xilofono,Hashirama?”
”Piantala di parlare di quello ...xilofono”sibilò il fratello” sembri...”s'interruppe ma Tobirama finì per lui
”...pazzo?” scosse le spalle tranquillamente.”Oh sarebbe tutto meglio, vero?più... accettabile … ma purtroppo ,però , sono totalmente lucido.”
“Comunque la controindicazione principale ad uccidermi è che Hamaru uscirebbe totalmente di testa e spaccheresti i clan.”
Si versò dell’acqua nel bicchiere.”La seconda : che  tu esca da quella porta e che entrambi facciamo finta che tutto questo dialogo non sia mai accaduto ed è probabilmente la scelta migliore per te ed il tuo sogno.”bevve alcuni sorsi.
”E la terza?”
”Oh sarebbe... che tu metta a rischio l'essere munifico e morale. “fece lui allusivo, passandosi l’indice lungo il labbro inferiore.“E  per continuare  il fumetto di Hashirama Senju… tieni."allungò un pezzo di carne in un piatto largo: un cuore. "diventa il mio nuovo apprendista."
Entrambi si fissarono,poi guardarono l'organo come si guarda ad una cosa proibita ma piena di promesse. "In appena dieci minuti di spiegazioni la forza per realizzare il tuo sogno sarà alla tua portata."sogghignò nel realizzare un’involontaria battuta spiritosa "Anzi sarà LA portata."
"Potrai spostare la bilancia sempre in pari con Madara."
"E se lo faccio?”Hashirama si protese allusivo sul tavolo. "se sposto la bilancia del potere sempre in pari cosa dovrei fare secondo il mio maestro oscuro con Madara Uchiha?"
Tobirama sbattè il pugno sul tavolo facendo sobbalzare i piatti e la brocca piena d’acqua, la voce rotta. "Uccidilo, costringilo ad un accordo, sposatelo o tutte e tre le cose."
"Non m’interessa. Prendi ciò che ti offro e poni fine ai conflitti : è quello che volevi."
Hashirama poi diede voce al pensiero che ora si era formato nella sua mente,il finale di quel piano assurdo ma perfettamente logico d’incastri che gli era stato dispiegato davanti." Eppoi posto fine ai conflitti il morale e munifico Hashirama Senju disconoscerà la sua ombra Tobirama e suo cugino Hamaru." Soffiò sul palmo della destra come a disperdere una figura di fumo"loro spariranno dalla storia degli shinobi ma segretamente saranno sempre lì,in agguato, per preservare ciò che il morale e munifico Hashirama  Senju avrà creato, grazie all’edo tensei. "
Poi aggiunse.“Ad entrambi gli Edo Tensei.”
L’altro  annuì, allungandogli il piatto ."Ora vedi con chiarezza … bene."
Hashirama estrasse un kunai, rigirandolo come per valutare il punto migliore per tagliare il tessuto. Una volta per sfida con uno del clan Nara aveva mangiato il cuore di un cervo."Prima dimmi … "Guardò il fratello rimandando leggermente indietro il piatto, c’era una cosa che Hamaru e Tobirama avevano sempre sottaciuto a tutti ma ora sapeva che il fratello avrebbe risposto."Cosa c’è per davvero in fondo a quel pozzo?"
“In quell’ anonimo, buio e freddo camino verticale di roccia, uguale a centinaia di altri?Ma esattamente quello che c’è qui in questa stanza, adesso,con noi. "Tobirama si protese verso il fratello, inclinando la testa di lato e schioccando la lingua, la voce quella d’un fantasma d' una storia dell’orrore."Niente, Hashirama … niente ,tranne ciò che ci portiamo dietro noi stessi.”
Allungò di nuovo leggermente il piatto verso l’altro”Scegli … ora puoi andartene e tornare a scrivere lettere al tuo caro Madara ,sperando che lui ti ricambi ma se resti … devi  dividere il piatto con me ed il suo potere.”socchiuse gli occhi, ricordando molte cose fatte negli ultimi sedici anni.“Il potere in buona parte dietro alle tue vittorie sul campo.”Allungò ancora di mezzo centimetro il piatto ”… scegli Hashirama,adesso ,ma ricordati che neanche tu puoi esistere senza la tua stessa ombra.”
Hashirama con un gesto secco lanciò il piatto contro la parete e si alzò, rimettendosi deciso il copri fronte. “Quando il sole è ha picco sul campo di battaglia non esistono ombre, Tobirama.”  Si fermò poi sulla soglia. ”non lascerò indietro nessuno per il mio sogno, neanche te ed Hamaru.”
Rimasto solo suo fratello recuperò il cuore e ne mangiò metà con un solo morso, sibilando rabbioso  mentre masticava.”Vigliacco.”poi gli cadde una sola singola lacrima ma non se ne accorse nemmeno.



Durante la battaglia finale tra il clan Senju e le forze di madara.
Hashirama stava affrontando il nuovo potere ora sprigionato dal susanoo di Madara Uchiha mentre  suo fratello si trovava sopra di loro.Liberò con un gesto deciso la spada dal cadavere dell'Uchiha che aveva colpito alle spalle con relativa facilità ,visto che il giovane stava valutando il momento migliore d'intervenire a fianco di Madara contro il capoclan dei Senju.
Ora Tobirama faceva esattamente lo stesso, i suoi occhi esperti fissavano ora Hashirama, ora Madara.Stava per fare la sua mossa a favore del fratello quando un grande  haraegushi(bacchetta rituale shinto) gli apparve davanti,bloccandolo. Il suo apparire fu seguita da una dura voce a lui ben nota. ”Stai indietro, attendi.”
Tobirama guardò la figura che teneva il bastone di legno, da cui oscillavano varie strisce di carta coperte di sigilli.”Hamaru… ”
”Te l’ha detto, no? Non vuole ombre lui.”il cugino diede un morso al cuore che aveva appena strappato al cadavere dietro di loro,guardando Hashirama e Madara con ugual fastidio. ”Sistemeremo Madara insieme poi se dovesse rischiare di vincere la battaglia ma forse subire il rischio concreto d’una sconfitta renderà umile tuo fratello .”
"..." Tobirama strinse il pugno e colpì il terreno."rischia di..."
Hamaru gli passò tranquillo la metà rimasta del cuore"non rischia nulla di serio... siamo pronti ad intervenire.”sogghignò nel deglutire"Hashirama Senju oggi vincerà ma... dovrà capire ben chi è dietro alla sua vittoria.”
”Pensa alle future generazioni, Tobirama.”
Tobirama annuì e addentò a piccoli morsi l'organo, sentendone il  potere."...sì."

Hamaru era in seconda fila rispetto ad altri quando ascoltò Madara fare quella proposta ad Hashirama ma poteva lo stesso scambiarsi sguardi d'intesa con Tobirama.Entrambi chiaramente avevano la stessa opinione-non uccideremo Madara… ci prenderemo i suoi occhi-
Poi hamaru fece dei pensieri più soggettivi nell'osservare il cugino tanto disprezzato estrarre l'arma e puntandosela. -Alla fine Hashirama… mi fai il favore di levarti di torno da solo .-sogghignò mentalmente. -l’ultimo ostacolo tra noi e...-Riposò lo sguardo su Tobirama ed inorridì.Tutto il suo mondo crollò sotto ciò che aveva intuito ma un'evento imprevisto impedì l'inabissarsi di tutto.
“E’sufficiente”disse Madara, bloccando Hashirama” ho visto la tua determinazione.”

Hamaru era dietro a Tobirama che stava andando ad avvisare le decisioni del fratello e di Madara.lo prese per il bracciò, cercando di trattenerlo.”Dobbiamo …”
” Appoggeremo Hashirama, Hamaru.”replicò lui duro, liberandosi ”Non è in discussione.”
"Tobirama... ti ho visto"disse lui sconvolto"stavi per...
Il Senju lo zittì con un gesto della destra e scattò in avanti mentre lui rimase fermo,paralizzato.Si girò indietro dove ora i due vecchi avversari e capiclan si stavano rappacificando.”Hashirama… Madara…” sibilò” Maledetti.”




Hashirama per anni si era tenuto lontano dal luogo dove i jutsu più potenti avevano origine,per manifestare una disapprovazione, ma facendolo ora sapeva di avervi lasciato soli Hamaru e Tobirama.Era allora davvero il morale e munifico Senju creato dal fratello.
Ora che era davanti allo spiazzo con il pozzo, l'abisso che li aveva ingoiati c'erano due figure pronte a combatterlo per prevenire che seppellisse quel luogo insieme al morale e munifico sé stesso. “Hamaru… Tobirama… vi prego.”
Hamaru rise senza alcun ritegno. Sorrise distorto, come una delle maschere del tempio Uzumaki che usava nei jutsu più terribili ereditati dal clan Uzumaki.”Sentito Tobirama?Tuo fratello CI prega di farci gentilmente di lato mentre distrugge tutto quello che abbiamo creato e che hanno creato i nostri antenati prima di noi.”indicò con lo haraegushi il complesso  che avevano creato insieme ”Lui ed il suo amichetto Madara non si sono quindi saziati con quella loro locanda per Shinobi.”
Hamaru colpì con il suo grande haraegushi, il terreno, creando un tekkai d'inusitata potenza su ogni singola struttura.Hashirama sapeva che ciò voleva dire che si sarebbe scatenato come non mai,contro di lui e voleva preservare le loro creazioni. Tobirama era una statua di sé stesso, a braccia conserte ed indecifrabile.“Sai cos’ è davvero accaduto quando Madara ti ha chiesto d’infilzarti?” la voce del cugino era un sibilo ed indicò tobirama ritto di fianco a lui. “tutti guardavano te e lui ma io guardavo anche Tobirama… stava per usare il suo Hiraishin no Jutsu per prendersi il colpo al posto tuo”Hashirama guardò il fratello e non dubitò che Hamaru dicesse il vero. Capiva anche che il cugino non lo disprezzava più. Ora lo odiava, più d'ogni cosa avesse mai potuto odiare uno che aveva dentro rabbia e risentimento di mille e mille più shinobi morti in battaglia contro di lui:tutti morti perchè Hashirama Senju trionfasse e che forse adesso non vedevano neanche piùun senso nella loro sofferenza ."Ti avrebbe salvato e fatto fare l’accordo con il tuo amichetto e tutto quello che ti attribuiscono è per opera sua.”
”Tobirama…. Diamo una lezione a questo impostore e poi a quel suo alleato.”mise la mano sulla spalla del cugino dall'argentea capigliatura “Quale preferisci dei due per il tuo pasto nel pozzo? L’insalata od il corvo?
”Tobirama?”
”…”L'altro abbassò gli occhi rossi a terra,non poteva guardarlo in faccia.
Hamaru boccheggiò.”Sei ...dalla sua parte?I sacrifici fatti ed i nostri progetti.”riguardò Hashirama con rinnovato odio. ”Tu… come hai osato farci questo? Guarda come ci hai ridotto.”
Hashirama avanzò,allargando le braccia e guardandoli con tristezza.”Hamaru per favore…é finita.Salvatevi, aiutatemi a creare il futuro.”
"Finita?Oh sì ,Hashirama... per te.”
“Se vuoi cancellare questo posto e la sua storia … dovrai farne anche la mia tomba e non potrai … perché io non muoio.”Un vento freddo sorse dalla sua figura “Appena ti avrò mostrato per quello che sei, io e Tobirama…”si bloccò. Boccheggiò. Sopra di lui ora c'era una lastra quadrata di chakra verde con impresso a nero uno shinobi armato di spada. Con la coda dell'occhio vide Tobirama al centro d'un sigillo di controllo che solo loro due sapevano essere stato completato.”Tobirama… questa tecnica…”
”Hamaru… mi dispiace.”
”Non è colpa tua ma … sua.” la sua figura si scompose in foglie, come un'edo tensei striscie di chakra azzurro e viola le univano, la sua voce un'eco attraverso una distanza infinita ” avrei… dovuto... mangiarlo…” poi con un vento turbinante tutto scomparve all'interno d'un cubo formatosi sulla base della lastra, su ogni altra faccia visibile uno degli altri guardiani del mondo.”Esilia.”
Il minore dei Senju congiunse rapido i palmi delle mani di fronte a sé e con un bang sonico il cubo sparì ,con esso ogni segno dell'immortale uzumaki.
Hashirama si avvicinò al fratello.”Tobirama…”
”Fallo e basta.”disse l'altro e se ne andò,senza voltarsi.Pochi minuti dopo al posto di quel grande conplesso c'era solo una foresta dall'apparenza secolare.



Konoha aveva attecchito.Aveva anche resistito al suo primo vero inverno: l'assedio da parte d'uno dei suoi due stessi ideatori, Madara Uchiha.
Non era incomune ora vedere ogni mattina vari shinobi uscire dalle loro case , case di clan diversi,per ritrovarsi e partire per uniche missioni ma una delle figure che quella mattina avanzava ,sotto il sole che nasceva, per una strada secondaria chiaramente non partiva in missione in gruppo.
Mantello da viaggio pesante, cappuccio sul capo e sacca  robusta era chiaro che non partiva neanche per una missione in solitario. Se ne stava semplicemente andando.
Ad un certo punto davanti a lui atterrò da un tetto lo shodai Hokage.”Dove te ne vai?”
”Dove?”chiese atono Tobirama nel superarlo“Non chiedi perchè?”
Hashirama gli si affiancò.”Oh d'accordo... perchè te ne vai?”
”Sei l 'hokage ed un ombra non ha bisogno d'un' altra ombra.”
Lo shodai finse di soppesare seriamente quella frase.”in effetti a senso ma … con grande probabilità sei il mio più forte shinobi.”
”Con Madara morto, tua moglie  jinchuriki  del kiubi e tutti i principali clan della nazione del fuoco saliti sul tuo carro da vincitore … non ti mancano certo gli shinobi potenti.”
”...”Hashirama gli indicò il villaggio ”questa è anche casa tua, adesso.”
”No," Tobirama girò la testa ed anche se sembrava ora guardare il grande volto in pietra del fratello in realtà guardava lo spiazzo sopra, dove due bambini una volta si ritrovavano." è la casa tua e di Madara... non è mai stato previsto che noi ne facessimo parte.”
”ah,già... il piano dei cugini lungimiranti”fece il maggiore ma poi si fece allusivo. ”ma sei rimasto solo.”
l'uomo dai capelli argentei non replicò subito.”Non tutti i piani geniali riescono.” poi guardò il fratello dritto negli occhi per la prima volta dall'inizio del discorso.“E comunque... anche tu non hai più il tuo amico.”
Continuarono in silenzio, ormai si vedevano le porte del villaggio.”perchè adesso,Tobirama?”
”...”Tobirama si fermò .
”Sai ho dato un'ordine molto strano ad uno dei nostri alla fondazione del villaggio.” Continuò il fratello”Gli ho chiesto di riportarmi direttamente ed immediatamente, ogni segnalazione riguardanti mutilazioni o sparizioni di cadaveri.”
Il minore riprese ad avanzare verso le porte”E...”
”E... niente,nessuna segnalazione in 8 anni.”
”Non avevo bisogno di potere, o di rinnovare velocemente il chakra una volta che avevi ottenuto ciò che volevi.” continuò con un'impercettibile punta di sofferenza”non ho neanche più dovuto essere ‘solidale’ con Hamaru.”
”D'accordo … ma ho dato una veloce lettura agli appunti di Hamaru, prima di distruggerli. E' sempre stato meticoloso ,proprio come te sulla raccolta dati.”la sua voce era ora funerea ”Sbloccare il potere del pozzo nei vivi ha una controindicazione, rispetto alle anime rabbiose: dà dipendenza psicologica estrema dal consumo.”Tobirama abbassò il capo e continuò a camminare ed Hashirama si fece canzoniero”Però… astinenza totale per otto anni... molti parlerebbero solo della tua ferrea volontà.”
”Allora...”la voce del minore ora era incerta” prendi esempio e tienti lontano dalle bische... Mito ne sarà solo sollevata.”
”Te ne vai perchè non ce la fai più,vero?”Disse lapidario il fratello.
”Se diventerò un problema... un imbarazzo...  per te e konoha, riceverai l'ordine di eliminarmi.” Tobirama gli piantò l’indice sul petto”anzi,gioca d'anticipo e segnalami pure come disertore ai tuoi equivalenti quando li vedi.”
”Ah già fra quindici giorni c'è il primo grande meeting dei kage per dividere i bijuu... ma sarà un' insuccesso.” Disse lui con fare noncurante e si grattò la nuca”Non ho un primo consigliere ad impedirmi di fare idiozie se te ne vai.”
”...” lui non si fermò anche non riusci a trattenersi dal consigliare il fratello maggiore”c'è Sasuke Sarutobi.”
”Troppo vecchio.”replicò l’altro facendo la mimica d’una lunga barba.
”Inuba Inuzuka”
”Il mizukage odia i cani od il kazekage ne ha paura... od entrambe le cose.”
”Shizo Aburame”
L’hokage rabbrividì.”Mi fa impressione,lo sai.”
”Hitori Hyugha”
”Uno col byakugan?Sospetto... e se lo penso io…”
”Tenmaru Akimichi.”
”Il suo ed i clan alleati sono visti ancora come un sotto-villaggio, ci vorrà tempo perché tutti si fidino.”
”Allora Hamaru aveva ragione.”Disse velenoso l’altro.”Sei un fallito... ed io uno stupido a credere in te, sacrificando  e tradendo lui.”
Appena conclusa la frase si ritrovò il fratello torreggiare su di lui, lo sguardo duro e la voce bassa ”D'accordo Tobirama.” il pugno dell'hokage sbattè il fratello a terra“io ci ho provato a ragionare... adesso è rimasta solo l'opzione Hashirama:ti pesto.”aspettò una reazione che non venne”su avanti... ti pesano le braccia?”
Tobirama sputò sangue ma si rialzò totalmente remissivo, chiaramente intendeva non reagire.Almeno non fisicamente. ”Perchè insisti?Hai ciò che volevi,no?”
Lo Shodai prese il fratello per il bavero del mantello da viaggio e lo tirò a sé.Erano fronte contro fronte.”Ora ti ripeterò le tue stesse parole : Perchè-sei-mio-fratello.”poi lo strattonò verso l'uscita del villaggio”E perchè ho DAVVERO bisogno di te come primo consigliere.”
“Ma se non ce la fai... bè allora è davvero meglio che tu te ne vada.”


Per tutta la mattinata Hashirama era rimasto chiuso nel suo studio dopo che, partito il fratello ,gli era stata comunicata una cosa in apparenza insignificante.Ora ponderava seriamente a cosa fare.
Nella stanza chiusa ci fù uno spostamento d’aria che fece frusciare molti fogli e la figura di suo fratello era apparsa davanti a lui.”D'accordo …ma solo fino a che non trovi un'altro all'altezza di sostituirmi come tuo primo consigliere.”
Hashirama non replicò e neanche addolcì la fronte, come uno si sarebbe potuto aspettare. Tobirama continuò.”Eppoi... non smetterò di creare tipologie di jutsu che tu disapprovi.”
“Ed un’altra cosa” cominciò , appoggiandosi alla scrivania.”io non…”s’ interruppe ed abbassò gli occhi rossi e la voce  si fece un sussurro.“io non… a volte... è terribile.”
”Ti senti … come se il tuo corpo si raffreddasse  ed indurisca in modo così rapido da farti piegare per contrazione.” Hashirama alzò lo sguardo e vide che la bocca di suo fratello tremava.“Poi … “Tobirama si mise le mani sul petto”si torca in più punti, a spirale ,spezzandosi... la vista, l'udito, tutti i sensi ti bombardano ed intorno non vedi più persone ma... cose. ”piagnucolava. ”Cose...  da mangiare.”
Si passò la mano sugli occhi per ridarsi un contegno e fare la domanda che tutti e due aspettavano."come... come sta?"
"Come ogni bambino che ha avuto un brutto incubo." Replicò tranquillo l’hokage alzandosi ed avvicinandosi al fratello per dargli un fazzoletto.Era la prima volta nella loro vita che accadeva qualcosa di simile."Stasera ti cercherà di certo... adora lo zio che gli insegna la geometria e la tattica degli agguati con gli origami, la chimica con gli esplosivi e la biologia aprendo con lui rospi e lucertole." Indicò il lato destro del collo "non gli rimarrà che una piccola cicatrice semiinvisibile da attribuire senza problemi ad una caduta da un'albero o da un'altalena."
”Hashirama... ieri sera... stavo per... per mangiare tuo figlio.”disse infine Tobirama ,singhiozzando."come puoi... PENSARE di lasciarmi girare per il tuo villaggio, darmi dei ragazzi da crescere?"
"Perchè sono stupido, perchè sono idealista ma soprattutto perchè ti sei fermato."replicò tranquillo l’altro ."poi aprì un cassetto e gli mise un contenitore di vetro con pillole marrone scuro in mano.”queste dovrebbero poi aiutarti ma di certo le potrai migliorare tu stesso.”
“Per me non sei diverso da chiunque altro sia rimasto ferito in battaglia per permettermi di arrivare dove siamo ora.”
"Adesso guarda."gli allungò tre dossier" i tuoi primi figli non di sangue."
Tobirama li sfogliò rapidamente,ormai di nuovo misurato come sempre, ma si soffermò interdetto sul terzo."Un Uchiha?"
L'hokage sorrise divertito alla sua reazione."Consideralo... un costo in nota."
shinigami 58
:iconnivalis70: mi ha aiutato con questi ultimi cap e qui la ringrazio
Loading...
Mature Content Filter is On
(Contains: violence/gore and ideologically sensitive material)
A 5 anni dalla successione di Hashirama Senju a capo del suo clan il luogo dove sorgeva il discusso pozzo si era molto sviluppato,diventando il luogo dove si creavano i jutsu più estremi per le battaglie del clan senju, sotto il cugino clan degli Uzumaki.
Solo Tobirama però lo visitava dei due fratelli, spesso lavorando con il solo cugino Hamaru.
"Sai come ci definisce Mito adesso?"disse il Senju dai capelli argentei al cugino, seduto dall'altra parte del largo tavolo pieno di pergamene ed appunti su lunghi fogli rettangolari."I cugini intelligenti ma impresentabili. "
L'altro rispose senza neanche alzare lo sguardo."Ad uno shinobi non deve interessare quello che pensano di lui, se ciò garantisce la sicurezza dei suoi cari."
"… " Tobirama socchiuse gli occhi divertito e colpì i 4 kunai di diversa lunghezza ,posti in successione davanti a lui ,con quello più corto che aveva in mano, producendo tonalità metalliche."furbo a citarmi le mie stesse parole, mi spingi psicologicamente a essere coerente."
Hamaru gli passò il suo appunto sul sigillo che stavano creando,parlando con voce bassa."A proposito della frase di Mito …  Hashirama cosa dice invece di noi?"
"E’ preoccupato."Il Senju fece una correzione sul circolo concentrico più esterno, rendendolo leggermente ellittico ." Dice che siamo diventati pazzi per servire i clan."
“Ma che gentile a preoccuparsi tanto per noi." Sibilò l'altro, alzandosi di scatto e gesticolando furiosamente."Hashirama Senju è sempre così … morale e munifico e noi invece così sordidi, così  materiali … così … inaccettabili."
"Cerca un’altra strada, Hamaru." replicò calmo l'altro."La cerca da sempre."
"Hagimoto Dai,Sarutobi Sanzo ed Hogami Tenzu “ Hamaru ad ogni nome che elencava alzava un dito della destra.”la cercarono anche loro … e dove sono adesso?"
"Morti e dimenticati,oppure descritti come pazzi."rispose Tobirama atono. Era un discorso già fatto prima ma non sarebbe certo stata l'ultima volta che sarebbe tornato fuori fra i due cugini.
Hamaru sbattè il palmo sul bordo del tavolo"Chi crede di essere tuo fratello … per riuscire dove loro hanno fallito? Esiste una sola strada Tobirama e sei stata proprio tu a tracciarla, con il tuo pensiero pragmatico."
L'altro lo fissò negli occhi e pronunciò le parole che li guidavano da anni."Prevedibilità, pianificazione e controllo."
"Esatto." annuì l'Uzumaki senza indecisione."Queste tue parole sono l’unica strada veramente sicura al benessere di tutti. Tu ci credi e così io, per questo eravamo pronti tutti e due a finire là dentro. " indicò fuori dalla sala,ed entrambi guardarono una spaccatura circolare nell'erba a circa cento metri.
Tobirama ripicchiò sui kunai ma stavolta in senso inverso, dal più piccolo al più grande poi tirò fuori una fotografia in bianco e nero , lanciandola davanti al cugino"Questo è ora il nostro bersaglio : Izuna Uchiha.”
“Se lui muore per mano nostra, Madara probabilmente non accetterà mai un compromesso e senza compromesso schiacceremo gli Uchiha come clan attraverso la nostra superiorità attuale di jutsu, oltre all'isolamento che si creerà dal suo irrigidirsi su questa posizione." Hamaru prese la foto ed annuì, comprendendo il ragionamento.“Ucciderlo è quindi una nostra priorità ,Hamaru.”
"Mmmmhh… ha l’aria appetitosa." l' Uzumaki nel soppesare il soggetto si passò la lingua sulle labbra e fece il verso di battere i denti due volte in successione"A proposito... immagino che mangi con me stasera, giusto?"
"…"Tobimara ricolpì i Kunai di nuovo dal più piccolo al più grande , poi ricolpì di nuovo il più piccolo e guardò Hamaru con la sua solida compostezza che lo contraddistingueva. Compostezza che tutti ben conoscevano. Poi le sue labbra composte s'inarcarono leggermente e vi passò sopra la lingua con un fare famelico che solo Hamaru aveva visto ed era sopravvissuto per ricordare."Chi c’è sul menu?"

"Quella testa di legno di tuo fratello su una cosa ha ragione."Disse Hamaru nel dividere in due il cervello che aveva davanti e passarne metà nel largo piatto del cugino." siamo molto più della nostra semplice somma."
"… " Tobirama tagliò il suo lobo in modo longitudinale poi prese con le bacchette il primo pezzo, succhiandolo come si fa con le ostriche."non è quello che vuoi davvero dirmi, Hamaru."
l'altro annuì ridacchiando, non potevano nascondersi nulla loro due."Quando pensi di calarti nel pozzo? Ormai il tuo fisico è all’apice, tra un po’ comincerà a calare." giocherellò con le bacchette, tracciando figure geometriche equilatere."Potresti scegliere qualcuno d’appropriato per il sacrificio." prese la ghiandola pineale che era rimasta nella sua metà."Izuna … sì, sarebbe proprio appropriato."
l'altro scosse però il capo"non credo sia fattibile. Appropriato ?Sì . Fattibile? No."
Hamaru si rabbuiò."Non avrai un ripensamento?Sarebbe … comprensibile."
il cugino lo guardò e gli prese la mano"Non ti lascio solo,Hamaru."
"Non mi hai mai lasciato solo, sapevo per certo che mi tenevi d’occhio con la tua capacità di sensore" indicò dove l'oscurità della notte celava il pozzo.“mi sentivo … meno solo e disperato.”
Tobirama strinse di più la sua mano"A volte … mi sembrava di sentirti piangere."
"Buio e freddo …"  esalò a fior di labbra, la voce rotta, l'Uzumaki"Era così buio e freddo laggiù, Tobirama."
il Senju ridacchiò triste."Non me lo stai rendendo allettante."
Hamaru mise l'altra sua mano su quella con cui il cugino lo confortava"Pensa allora questo: noi due insieme per l’eternità ... od almeno molto, molto tempo liberi da quello." espose un pensiero che riteneva divertente"potresti mangiare proprio lui, scommetto che sa d’insalata."
"…" Tobirama per risposta si picchiettò  con due dita la tempia destra"poi l’avrei nella testa per sempre, non l’hai pensato?"
"Ah già, che sciocco." replicò l'altro ,incrociando le mani sul petto."e lui non è come noi, ce lo lasceremo indietro alla fine, proprio come Madara. Certo … forse ci sarà la loro faccia su qualche statua gigante ma anche quando questa sarà stata erosa noi saremo ancora qui a cenare al buio ed a salvare per davvero shinobi." Afferrò con le bacchette un altro pezzetto di materia celebrale".Se poi ti mancherà … potremmo sempre  richiamarlo con l’edo tensei per qualche lavoretto."
Guardò allusivo"Tobirama?A che punto sei?"
Per tutta risposta il senju si mise in piedi e fatti i dovuti sigilli della tecnica d'evocazione colpì per terra, da cui uscì una bara."Tu che ne dici?"
Hamaru guardò molto interessato non solo la tecnica in sé ma il corpo dentro la bara lignea. Ridacchiò divertito per l'ironia che coglieva nella faccenda."Sai, in tutta sincerità … a tuo padre la morte dona. "


Hashirama era arrivato che era ormai notte al castello che il suo clan presidiava. Salì le scale del torrione centrale di corsa,tre gradini alla volta. Già alla base aveva sentito il familiare rumore di Tobirama che tintinnava i suoi kunai, verificando così che fossero senza incrinature nel metallo, e non si spezzassero se avesse dovuto colpire qualcosa di molto resistente. Lo faceva nelle loro pause più o meno come lui tirava dadi.
Gli avevano detto che suo fratello aveva dato disposizione tassativa di non disturbarlo mentre cenava ma il vantaggio d’essere il capoclan da più di 8 anni era anche di poter scavalcare il secondo in comando se ti andava. “Ehilà, fratell...”Il suo sorriso solare morì sull’uscio."…"
Tobirama lo salutò tranquillamente, continuando ad armeggiare con quello che c’era nel piatto. “Hashirama … dovevi arrivare tra due giorni.”
Il maggiore fece alcuni passi incerti verso il tavolo massiccio con mezzo cervello che pensava a quella replica e metà che cercava di non uscirgli dal cranio."Sul messaggio che ti ho...mandato ho … dimenticato di mettere il simbolo in codice che … indicava di sottrarre tre a quanto indicavo."
“La solita testa vuota” il fratello scosse la testa e gli indicò di sedersi con la sinistra“almeno non hai sbagliato fortilizio, sarebbe stato veramente imbarazzante di fronte ai nostri cari attuali antagonisti del clan Sarutobi."
“Già … credo …” replicò lui.“Quello … è un fegato umano."
“Ah,sì.”disse Tobirama e guardò una targhetta posta di lato, una di quelle usate di solito per identificare i cadaveri  “un certo Saburou Sarutobi …  mai sentito, tu?Eppure aveva  ben 46 anni.”
”Hamaru … deve farlo quando uccide …”provò l’altro Senju a razionalizzare ”… lo so che lui.. lui DEVE ma tu ...”
”Non è affatto male per un quarantenne, sai?Mi ricorda …”trattenne un risolino“no, dire scimmia sarebbe … banale.”
Hashirama strinse gli occhi in modo spietato.”Fate dunque anche questo durante i vostri frequenti incontri, tu ed Hamaru?”
”Con quello che vedi sul campo di battaglia ti disgusta questo?” scosse il capo incorniciato d’argento ed addentò un pezzo  ricco di sangue .Un po’ gli colò dal lato della bocca e si ripulì con eleganza. Tobirama era sempre elegante a tavola, lo dicevano tutti ,mentre Hasirama a tutti sembrava sempre un popolano.”Eppure, non ti disgusta lasciare i corpi degli sconfitti in pasto ai cani e agli uccelli sui campi di battaglia."
”Dimmi … hai mai visto un utilizzatore della tecnica dei cinque cuori ? Ti sei dimenticato due anni fa quei gemelli siamesi del clan Kaguya?”Tagliò una fetta dall’organo e la infilzò col kunai,rigirandolo con naturalezza, soppesandolo. ”Il corpo di Hito dopo quello scontro col clan Aburame?” Contrasse il volto come se risentisse un ’olezzo insopportabile”Io non ho mangiato per tre giorni.”
”…” Hashirama si passò la mano sulla bocca. Aveva la nausea ma parlò piano.”Tobirama...”
”Tu hai le tue debolezze Hashirama, noi le nostre … e visto che mi hai beccato in flagrante, non negherò come qualcuno in questa stanza negò di bere gli alcolici di nostro padre quando entrai d’urgenza in bagno, 15 anni fa.”
Il fratello piantò i palmi sul tavolo ma si trattenne da urlare perché non voleva certo attirare l’attenzione e fare vedere ad altri … quello che vedeva lui.”Questo non è giocare d’azzardo o navigare nel sakè.”
“No, è vero.”rispose freddo e tranquillo il minore e lo fissò come per chiuderlo in un genjutsu. ”Riguarda il guardarti le spalle. Quante volte io ed Hamaru ti abbiamo salvato?Conta anche quando a salvarti è stato uno dei nostri jutsu ,creati grazie alle nostre ricerche ed usato da altri.”
Il fratello si porto la mano sulla fronte.”Non so contare così tanto.”
”Allora … se voglio posso anche mangiarmi qualcuno, soprattutto se non l’ho ucciso appositamente per questo.” Prese qualcosa da sotto il tavolo: un pezzo di carne che probabilmente non era cervo.”consideralo … un costo in nota.”
Hashirama abbassò lo sguardo e contò fino a 10 ma non servì. Cercò allora di capire cosa aveva davanti.”So che gli sei grato per aver preso il tuo posto, gli sono grato anch’io  ma …”
”Hashirama … non si è mai trattato di sapere chi entrava e chi no nel pozzo.”fu la tranquilla replica a quell’accusa di essere rimasto sconvolto dal fato di Hamaru .Gli occhi rossi del minore dei Senju erano senza falsità.”ma solo di chi ci fosse entrato per primo.”

Tobirama spezzò un osso ed aspirò del midollo.“Fin dall’inizio era la NOSTRA scoperta, te l’abbiamo sempre detto ma tu sei troppo … Hashirama … e non hai capito o voluto capire … Mito invece sì,lei si che è intelligente... bella ed intelligente, tienitela bella stretta.”
Hashirama pensò allora che tutto quello che ora vedeva era una critica al suo pensiero, doveva esserlo. Doveva esserci una logica.”Dici assurdità, anche tu pensi come me che Itama e  Kawarama  non dovevano essere davvero sul campo di battaglia.”
L’altro si fermò un’ attimo, evidentemente valutando quell’ affermazione. Parlavano molto raramente dei due fratelli che avevano perso e l'altro voleva evidentemente scuoterlo.”Certo ma con una  precisa differenza.”Addentò il pezzo carnoso che aveva ben soppesato. ”Io lo penso … perché è stato uno spreco.”
”Spreco?”Il maggiore non riuscì a trattenere lo sdegno stavolta, serrando la mascella.
L'altro continuò come se niente fosse.”E’ ovvio che utilizzare shinobi inesperti quando si sa che la missione è troppo difficile vuol dire spesso mandarli a morire prima di svilupparne il potenziale ed Itama e  Kawarama   non erano pronti, anche se oggettivamente molti più esperti di molti dodicenni  che buttiamo ammucchiati in fosse comuni dopo certe battaglie.”
”Tu la chiami tragedia ed  io spreco, tu parli di villaggi retti da adulti illuminati ed io di accademie preparatorie ed esami di selezioni.” Si versò dell’acqua. Tobirama non beveva mai altro a differenza del fratello.“ Questo perché tu sei l’idealista ed io il pragmatico.”
”Tu sei Hashirama Senju … io solo la sua ombra.”
Il maggiore scosse la testa. Avevano già avuto scambi d’opinione sul futuro degli shinobi ma non certo di fronte a … quello che ora c’era su quel tavolo e che era venuto fuori solo per un caso .”I tuoi progetti Tobirama … sono troppo a lungo termine, la gente muore ADESSO.”
Tobirama scosse la testa, ma non in modo conciliante come faceva di solito.”La gente muore da SEMPRE,  Hashirama ma tu e Madara vedete solo il vostro dolore ed in realtà volete lenire solo quello, siete … degli egoisti.” Lo guardò duro con i suoi occhi rossi“E dei vigliacchi.”
“Mito è incinta, non te ne sei ancora accorto?” continuò Tobirama”io ed Hamaru faremo in modo che nostro nipote possa vivere a lungo ed abbia molte le possibilità che non hanno avuto i suoi zii … lo terremo al sicuro.”
Hashirama appoggiò il copri fronte sul tavolo.”Per questo non vi siete mai interessati a crearvi una famiglia?Ad avere dei figli?”
Tobirama rise. Rise come poche volte il fratello o chiunque altro l’avesse mai sentito fare: di cuore.”Oh… li avremo, Hashirama, ne avremo migliaia e migliaia … anche se non di sangue.”
"..."Il maggiore dei Senju apparve interdetto. "Che vuoi dire?"
Allora il minore gli picchiettò tranquillamente l'indice sulla fronte, come se non fossero di fronte a quei resti ma in uno di quei loro momenti tra fratello saggio e fratello idiota.“Ma di quello di cui parli sempre tu , tonto... delle future generazioni” s'appoggiò col gomito destro al tavolo."Il potere Hashirama … è possibile sbloccarne ed impadronirsene , con il giusto metodo: Gli Uchiha lo fanno attraverso il conflitto, i  jinchuriki cedendo ai bijuu e chi attinge al potere del pozzo...”indicò con lo sguardo il suo piatto, leccandosi le labbra.
"Non avrai...non sarai...."
"Entrato nel pozzo?"si grattò il mento, poi tagliò un’altra striscia dell’organo con naturalezza. "No.”
“Però sono riuscito, insieme ad Hamaru, a sbloccarne parte dei segreti, da qui il mio attuale... vizio."Prese alla sua destra quella che sarebbe potuta sembrare una grossa costata e l’ addentò. "Sbloccare il potere che si ottiene dal divorare carne umana anche se uno è vivo... e senza le anime rabbiose, ci siamo riusciti in neanche due anni dal mutamento di Hamaru ." Armeggiò la costoletta verso il fratello silente"Talento e duro lavoro, Hashirama ...tu il primo, io il secondo."
Con una mossa rapida Hashirama gli strappò di mano il pezzo di cadavere e lo gettò in uno degli angoli bui della stanza. Il suo respiro era ora irregolare."Non ne hai bisogno, so che sei uno dei più forti shinobi esistenti e so che non lo sei certo per … questo..."
“E' vero”concordo lui tranquillo . ”io non ne ho bisogno.”
"Ma non è per me...”prese un’altra costola , più simile ad una costina perché doveva venire da un corpo d’adolescente“è per te, per il tuo sogno."
Scese il silenzio, tranne per il masticare di tobirama. "Tobirama Senju consuma in segreto da anni questi pasti immondi ,se occorre farlo ,per fare in modo che Hashirama Senju vinca non solo i suoi diretti avversari ma le battaglie a cui conduce il clan,per fare in modo che Hashirama Senju appaia avere ragione sul suo progetto ed appaia sorretto dal fato stesso... per fare sì che Hashirama senju ponga fine ai conflitti."
"Ma soprattutto Tobirama Senju  fa tutto questo in segreto, perché Hashirama Senju appaia sempre morale e munifico anche se si scoprisse ciò che fa il fratello. Perchè lui DAVVERO non sa cosa fa il fratello."Ridacchiò alla reazione del fratello, di cuore.
"Sai Hashirama?La tua faccia è proprio ...  divertente."
"Che ci trovi da ridere?"
"Tutti voi... così limitati nella prospettiva, parlate di accordi ma non di come fare a mantenerli ."
"Invece i cugini intelligenti ed imbattibili?"
"Intelligenti ed imbattibili ma soprattutto …"giocherellò con la costina, disegnando cerchi in aria "… lungimiranti."
"Guarda nostro padre od il padre di Madara ed Izuna: talmente pieni d’odio da essere patetici" "Facevano figli solo per avere soldati fedeli prima e poi … avere tombe su cui legittimare i loro giuramenti di vendetta.” fece un volgare gesto allusivo“si sarebbero montati delle scrofe per avere più figli … ed entrambi infatti hanno avuto le mogli morte per conseguenze ad un parto.”
“Entrambi le hanno in pratica stuprate a morte... spero che si scannino a vicenda per l’eternità nell’inferno in cui sono adesso, sicuramente insieme.”
Guardò il bicchiere.“Sai che al nonno ha chiesto in moglie la figlia più robusta?Ha chiesto solo questo e l'ha fatto per lettera. Intelligenza, età, cultura... per non parlare delle sue aspettative... erano solo cose senza importanza.” tamburellò sul tavolo con le nocche”E' andato lì e se l'è presa senza neanche averla mai vista e neanche 10 mesi dopo... puff... ha scodellato te,il primo della serie di strumenti per il suo ego.”
“Sono certo che ti ha fatto nello stesso viaggio di ritorno... non voleva perdere tempo.,tipico di lui”
”Non l'ho mai... saputo.”
”Oh, sai il nonno preferiva me per queste confidenze” si tirò una ciocca dei capelli argentati.”perchè ho i capelli degli Hatake … aveva un debole per Itama per lo stesso motivo. ”
"… al suo funerale hai pianto,però."
"Certo …”annuì e lo guardò subdolo e malizioso come mai il fratello l’aveva visto fare“ … mai andare al funerale di uno che hai ucciso senza fartene accorgere senza una boccetta di vapori che ti causino lacrimazione. E’ stato proprio lui ad insegnarmelo."

Vi fu una pausa in cui Hashirama non riuscì neanche a respirare. il fratello continuò."Mentre gli tenevo chiusi naso e bocca, dopo averlo reso impotente con la tossina messa nel suo medicinale …  i suoi occhi …"s’interruppe e respirò profondamente prima di riprendere ora sembrava assente, perso in un ricordo."Sai , non mi ha mai guardato con tanto … orgoglio … come quando lo stavo uccidendo in quel modo vile:aveva capito il mio piano."Fremette. Hashirama riconobbe lo stesso fremere che il fratello aveva avuto al funerale del padre ma ora sapeva che non era un fremere di dolore represso. Era rabbia . Tobirama sbattè il pugno sul tavolo.”Bastardo... tutto quello che ho fatto come shinobi, come uno dei grandi della mia epoca ,ed era...orgoglioso... per un'impresa d'una semplicità infantile come quella?Far fuori uno nelle sue condizioni?”
"Davvero, uccidere uno come lui non è stato un assassinio ma un’ atto d’ utilità sociale."sorrise e si passò l’indice sotto il labbro.“Ma sarei … molto scorretto … a dire che non avesse in fondo un buon cuore …” diede un’ ammicco al fratello.”L’hai capita?”
Si leccò di nuovo le labbra.“Non era male neanche il polmone … ma il fegato … ha sempre bevuto troppo, lo sai.” diede un buffetto all'altro, parlando con tono sinceramente premuroso.“Anche tu, dovresti riguardarti te l’ho detto varie volte.”
"Perché?"
"Perché mi chiedi?In realtà è semplice … lo capirai perfino tu."
shinigami 57
:iconnivalis70: mi ha aiutato con questi ultimi cap e qui la ringrazio
Loading...

deviantID

cao-cao
bonamini guido
Italy
cercasi disegnatore stile anime che usa la tavola grafica per collaborazione
chi fosse interessato ad approfondire :iconlionblack88:

AdCast - Ads from the Community

×

Comments


Add a Comment:
 
:icondontsayyes:
DontSayYes Featured By Owner 11 hours ago  Professional Photographer
Thanks for the favs :)
Reply
:iconcao-cao:
cao-cao Featured By Owner 10 hours ago
alike for llama^^
Reply
:icondebnise:
debNise Featured By Owner 13 hours ago  Hobbyist Digital Artist
Thanks for the fav! :heart:
Reply
:iconcao-cao:
cao-cao Featured By Owner 10 hours ago
^^
Reply
:icon0mi:
0mi Featured By Owner 14 hours ago  Professional
Grazie per i favoriti =)
Reply
:iconcao-cao:
cao-cao Featured By Owner 14 hours ago
prego^^
Reply
:iconmusiriam:
Musiriam Featured By Owner 16 hours ago   Traditional Artist
Grazie :D
Reply
:iconcao-cao:
cao-cao Featured By Owner 15 hours ago
di nulla ^^
Reply
:iconshiva-diavilla:
Shiva-Diavilla Featured By Owner 16 hours ago  Hobbyist General Artist
grazie del +favHug
Reply
:iconcao-cao:
cao-cao Featured By Owner 15 hours ago
figurati^^
Reply
Add a Comment: